Una buona vecchiaia – per tutti!

La “Rete per una buona vecchiaia” intende lanciare un’iniziativa popolare federale per fissare nella Costituzione il sostegno nella vita quotidiana, l’assistenza e la cura per le persone anziane. Lei conosce il tema della vecchiaia, sia in quanto professionista, sia a livello di istituto, di politica o come persona toccata?

Condivide le nostre richieste? Allora la preghiamo di firmare il seguente appello: .

Per la prima volta nella storia, un elevato numero di persone in Svizzera raggiungerà un’età molto avanzata. Abbiamo l’opportunità di gettare le basi per una società dalla vita lunga e buona.

Una buona vita nella vecchiaia, libera da discriminazioni, deve essere accessibile a tutte le persone, indipendentemente dalle risorse a loro disposizione.

Una buona vita nella vecchiaia deve essere legata al più alto grado possibile di autodeterminazione. Tutte le persone hanno diritto al necessario sostegno nella vita quotidiana, all’accompagnamento, all’assistenza e a cure e terapie.

Un’ampia offerta pubblica di prestazioni di cura e assistenza che agisce in rete, di qualità, finanziata in modo solidale e orientata al bene pubblico ne costituiscono la spina dorsale.

Per non compromettere la qualità, il lavoro di cura non può essere razionalizzato. .

I parenti curanti non devono essere sollecitati in modo eccessivo. Le persone che si occupano di cura e assistenza devono poter svolgere il loro compito in condizioni adeguate. Pertanto sono necessarie delle offerte di sostegno per i parenti curanti, e ccondizioni lavorative e salariali corrette per il personale assunto.

L’obiettivo di una buona vecchiaia per tutte e tutti è di fondamentale importanza per la coesione nella nostra società e deve essere fissata nella Costituzione. Vi chiediamo quindi di sostenere l’iniziativa popolare federale, il cui lancio è previsto dalla “Rete per una buona vecchiaia”.

Protezione dei dati: Riceverà via e-mail delle informazioni sullo sviluppo del nostro progetto d’iniziativa. Il suo indirizzo e-mail non sarà utilizzato per altri scopi e non verrà trasmesso ad altri.

Marina Carobbio Guscetti

Consigliera nazionale per il Canton Ticino e medico

“Bisogna garantire a tutti e tutte una buona vecchiaia – rafforziamo quindi il personale di cura oggi sotto pressione!”

René Levy

Professeur honoraire de sociologie, Lausanne

“La prévoyance vieillesse doit assurer aux personnes âgées une phase de liberté après une vie dominée par le travail. Dans les conditions actuelles, elle n’y arrive pas. Il est donc urgent de lui en donner les moyens.”

Véréna Keller

Vice-présidente AvenirSocial, association professionnelle travail social & professeure honoraire Haute école de travail social Vaud

“L’aide et l’encadrement des personnes âgées exige un personnel diplômé, disponible et correctement payé provenant notamment du travail social et des soins. Les coûts y relatifs peuvent être assumés collectivement – il y va de la sécurité et de la dignité des personnes âgées et de leurs proches.”

Monika Stocker

Alt-Stadträtin von Zürich und Mitglied der Grossmütterrevolution

“Ein gutes Alter für alle – damit Frauen dieses selbstverständliche Ziel erreichen, braucht es einen besonderen Effort.”

Kurt Seifert

Ehemaliger Leiter Forschung und Grundlagenarbeit Pro Senectute Schweiz

“Das Netzwerk Gutes Alter setzt sich ein für eine Gesellschaft des guten und langen Lebens – für alle”

Simone Bertogg

Ehemalige stellvertretende Pflegedienstleiterin eines Altersheims, Präsidentin a.i. beim Fachverband LangzeitSchweiz

“Pflegende stehen unter zu grossem Zeitdruck, Betreuungsleistungen fehlen – das muss sich ändern”